Home Family Coaching project Autismo e Attività sportiva

Autismo e Attività sportiva

by Umbrella

I bambini che presentato i disturbi dello spettro autistico (DSA) manifestano spesso anche dei problemi di coordinazione motoria e di manualità, i quali sembrano migliorare molto quando viene svolta dell’attività fisica o sportiva in modo regolare. Infatti il movimento, rafforzando il tono muscolare, permetterebbe una conseguente riduzioni di alcune delle problematiche motorie purtroppo comuni in questi bambini. 

Inoltre, lo svolgimento di attività fisica o sportiva è legato ad altri aspetti non solo connessi agli immediati risultati in termini fisici e motori, infatti esistono numerosi benefici legati all’aspetto educazionale e di aggregazione che da sempre fanno parte degli sport di gruppo. Qui di seguito ne abbiamo elencate alcune fra le più importanti da non sottovalutare: 

  • Manualità, responsabilità, condivisione: le attività sportive prevedono il raggiungimento di obiettivi che richiedono la focalizzazione contemporanea su diversi aspetti. Tali aspetti includono la manualità e motricità, la responsabilità delle proprie azioni e la capacità di condivisione con i pari.

  • Socializzazione: lo sport di gruppo necessità della collaborazione di tutti i componenti della squadra, quindi contribuisce enormemente a migliorare sia la comunicazione che la socializzazione funzionale tra i pari.

  • Generalizzazione degli apprendimenti e sensibilizzazione: lo svolgimento di attività, comprese quelle sportive, che richiedono il coinvolgimento delle famiglie (inclusi i fratelli e sorelle) o in maniera più ampia delle istituzione di gruppi di gioco, permette la condivisione e l’elaborazione di esperienze, promuovendo in tutti i partecipanti l’acquisizione di strategie funzionali volte a migliorare la qualità del rapporto tra fratelli, a comprendere meglio l’effetto che la disabilità ha e avrà sulla vita di ciascuno dei familiari e a riconoscere i propri stati emotivi in risposta ad una situazione in ambiente seminaturale con il proprio fratello o sorella.

  • Contrastare l’isolamento crescente dei bambini con autismo nella comunità sociale: la possibilità di dedicarsi ad un sport offre numerose opportunità di apprendimento e inserimento sociale a tutti i bambini, ancora di più ai bambini con DSA, perché da una parte si sviluppano una serie di abilità e capacità per adattarsi a diversi ambienti, persone e contesti in maniera più funzionale, e dall’altro si crea un ambiente di ritrovo per i compagni di classe e amici dove la relazione con il bambino con DSA possa essere mediata e facilitata dall’operatore.

  • Uguaglianza e pari opportunità: non dimentichiamoci che i bambini con DSA, sono prima di tutto bambini e il diritto allo sport è sancito dalla Carta internazionale dei diritti dei bambini. Inoltre, lo sport è un diritto per le persone con disabilità secondo la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità del 2009.

Questi sono solo alcuni bei potenziali benefici dati dallo svolgimento di attività sportiva o fisica in maniera costante in questi bambini, bisogna quindi informare e formare non soltanto il nucleo familiare ma tutta la comunità su tale argomento per aumentare la possibilità di accesso a bambini con DSA in attività sportive di gruppo, tramite l’attivazione di società sportive o anche più semplicemente tramite il coinvolgimento di strutture locali, come gli oratori o i circoli sportivi. In questo modo sarà possibile intraprendere iniziative volte a controllare ed arginare il fenomeno della discriminazione nello sport.

La scelta dell’attività sportiva

La scelta della migliore attività sportiva per il proprio bambino non è mai semplice e risulta ancora più complessa per i bambini DSA. Questo perché si basa su una delicata combinazione tra le caratteristiche del disturbo, le peculiarità individuali del bambino, gli aspetti tipici dell’attività sportiva e le necessità organizzative, economiche ed emotive dei genitori. 

Quindi è importante aiutare e guidare i genitori del bambino con DSA anche in questo caso, affinché sia loro garantito il diritto allo sport, e noi di Umbrella siamo qui anche per questo!

You may also like

Leave a Comment